Il traffico aereo in Italia nel 2018 cresce del 5,8%

Nel 2018 in Italia si conferma la crescita del traffico aereo nel nostro Paese, che aumenta del 5,8% rispetto al 2017, arrivando a contare 184.810.849 passeggeri transitati negli scali nazionali. L’aeroporto principale è sempre quello di Roma Fiumicino, che con quasi 43 milioni di passeggeri e una crescita del 5% compre il 23,2% del totale del traffico. Fra le compagnie, Ryanair è la prima per i voli internazionali, mentre Alitalia si consolida nella prima posizione per quelli nazionali. Sono alcuni dei dati emersi dal Rapporto e Bilancio sociale 2018 dell’Enac, l’Ente nazionale per l’aviazione civile, sulle attività svolte nel corso del 2018.

Da gennaio ad aprile i passeggeri internazionali sono aumentati del 6,2%

“Il sistema aeroportuale nazionale, così come in altri Paesi, è stato caratterizzato da una spiccata dinamicità che lo ha reso uno dei settori a migliori performance, nonostante la crisi degli ultimi anni”, commenta il presidente di Enac, Nicola Zaccheo.

Anche nei primi mesi del 2019 i dati sono confortanti. Da gennaio ad aprile i passeggeri internazionali sono aumentati del 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, e tra questi, i passeggeri sui voli di lungo raggio ed extra UE sono in crescita del 9,4%. Per quanto riguarda invece i reclami, nel 2018 l’Enac ha ricevuto 5.867 reclami di mancato rispetto del regolamento europeo 261 del 2004, ed ha avviato 81 sanzioni a compagnie aeree per un importo di 262.867 euro.

Nel 2040 si stima una crescita del 53%

Su scala europea, in accordo con le previsioni Eurocontrol pubblicate nel 2018, nel 2040 si stima una crescita del traffico aereo del 53% rispetto ai dati registrati nel 2017. “Poiché tale incremento di voli genererà circa quattro milioni di movimenti in più sulle piste di volo europee – aggiunge Zaccheo – si delineerà uno scenario di forte squilibrio tra la domanda di traffico e la capacità delle infrastrutture aeroportuali. In quanto i venti maggiori aeroporti europei sono, attualmente, dimensionati per gestire circa due milioni di movimenti in più”. Quindi, senza un cambio di passo nella programmazione della capacità aeroportuale su scala continentale da qui al 2040 circa 160 milioni di passeggeri rischieranno di non poter essere processati presso gli scali europei.

“Il principale alleato dell’industria turistica italiana”

“Il trasporto aereo è evidentemente il principale alleato dell’industria turistica italiana e uno strumento fondamentale dello sviluppo economico del nostro Paese – sottolinea il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli -. Dunque più sviluppo, più turismo e più trasporto aereo, ma dedicando fondamentale attenzione al tema della sostenibilità ambientale. È un puzzle complesso – aggiunge ancora Toninelli – che bisogna tuttavia comporre, e l’Enac è probabilmente la sede istituzionale più idonea in cui provare a farlo”.

Eterna gioventù. Quando si smette di sentirsi giovani

Per la maggior parte delle persone, è il 40° compleanno la data fatidica che segna il confine con la gioventù. Ma se rispetto alle epoche passate questo limite si è spostato decisamente in avanti, e tra i vari Paesi esistono parecchie differenze. Nelle Filippine, ad esempio, si smette di sentirsi giovani a 29 anni, mentre gli italiani iniziano a non sentirsi giovani addirittura a 60 anni.

Si tratta dei risultati del sondaggio Eterna Gioventù, condotto da Doxa in collaborazione con WIN, il network internazionale di società di ricerca di mercato e di opinione pubblica, ha che coinvolto 31.890 persone di 41 Paesi del mondo.

Giovani fino a 60 anni, e oltre

Per la stragrande maggioranza delle persone di tutto il mondo è il 60° compleanno l’età in cui si comincia a sentirsi vecchi. Gli intervistati, però, hanno dichiarato che inizieranno a sentirsi veramente vecchi solo molto dopo rispetto a quando smetteranno di sentirsi giovani. Insomma, si tende a spostare il limite più avanti possibile. Tanto che gli over 65 affermano che inizieranno a sentirsi vecchi quando saranno ancora più maturi. In ogni caso oltre, non c’è molta coerenza sull’età in cui le persone iniziano a sentirsi vecchia. In alcuni Paesi, come in Giappone (47 anni), Malesia (46) e Cina (44), l’età è più o meno la stessa, mentre in altri, come Italia (60) e Finlandia, l’età di riconoscimento della vecchiaia è la più alta in assoluto. I in quest’ultimo caso arriva a 70 anni.

La società non si prende cura né degli anziani né dei giovani

Due terzi delle persone in tutto il mondo pensano però che la società non si prenda abbastanza cura né degli anziani né dei giovani. Su base geografica lo pensa infatti l’85% delle persone nelle Americhe. Soglia che invece crolla al 40% tra le persone degli Stati dell’Asia Pacifica (APAC).

“L’invecchiamento della popolazione è una delle grandi sfide del XXI secolo – commenta Vilma Scarpino, amministratore delegato di Doxa e Presidente di WIN -. È quindi molto importante capire questo processo e con che modalità le persone si collocano lungo la linea che parte dalla certezza di far parte della gioventù e giunge infine alla constatazione della inevitabile vecchiaia”.

Prendere atto di un passaggio evolutivo irreversibile

“Dal nostro studio – continua Sacpino – emerge che quando siamo molto giovani crediamo che lo saremo per un tempo molto lungo, ma man mano che passano i compleanni cominciamo a dubitare di questa ipotesi, e a un certo punto smettiamo di considerarci tali”. Nel mondo questo passaggio si colloca in media attorno al 40° compleanno, mentre in Italia si aspetta fino a 60 anni per prendere atto di questo passaggio evolutivo irreversibile. Tuttavia, “sentirsi” vecchi è una percezione che si instaura solo 20 anni dopo che smettiamo di sentirci giovani. In questo lungo spazio esistenziale si devono quindi collocare le riflessioni e i necessari interventi sociali e culturali per far fronte alle sfide generazionali innescate dall’invecchiamento.

Quasi 3 imprese italiane su 4 valutano le performance dei dipendenti

Il 72% delle imprese italiane valuta le performance dei propri dipendenti, ma dal confronto internazionale emerge un divario di attenzione e organizzazione rispetto alla maggior parte degli altri paesi. Il 28% infatti non analizza le performance della forza lavoro: un dato 11 punti sopra la media globale. Soltanto le imprese di Lussemburgo (35%), Austria (34%), Grecia (32%) e Germania (32%) appaiono più disattente.

Poco più di un’azienda italiana su due (55%), inoltre, assegna un punteggio al lavoro dei propri dipendenti. In questo caso, si tratta di un valore di ben 17 punti inferiore alla media globale, e superiore soltanto al punteggio di Romania (54%), Nuova Zelanda (54%), Regno Unito (53%), Norvegia (53%) e Spagna (51%).

Lo rivela l’ultima edizione del Randstad Workmonitor, l’indagine trimestrale sul mondo del lavoro di Randstad, l’azienda mondiale nei servizi per le risorse umane.

Per il 37% delle aziende italiane il parere dei dipendenti non è richiesto

Il divario con gli altri paesi, riporta Adnkronos, si allarga ulteriormente se si analizzano l’interesse delle imprese per il parere della forza lavoro, e gli sforzi dei datori di lavoro per organizzare occasioni di feedback reciproco.

Per oltre un terzo delle aziende italiane infatti il parere dei dipendenti non è richiesto (37%), una percentuale in penultima posizione davanti al Giappone (39%). Nel 63% di aziende italiane in cui viene richiesto un parere ai lavoratori, invece, il 39% lo fa durante un colloquio personale, il 13% attraverso un sondaggio online, il 10% con una comunicazione scritta e l’1% impiegando altri strumenti.

Il 24% delle aziende valuta annualmente

Fra le imprese italiane che effettuano valutazioni sulla forza lavoro il 24% lo fa annualmente, il 7% ogni sei mesi, il 16% ogni trimestre, il 19% una volta al mese e il 7% una volta alla settimana. E se il 36% delle aziende fa ricorso al feedback in tempo reale dopo un evento, una riunione o una presentazione, poco più di un manager su due incoraggia lo scambio di opinioni fra colleghi in qualsiasi momento (55%). Davanti solo a Germania (54%), Austria (47%) e Giappone (37%).

Un momento che suscita emozioni contrastanti fra i lavoratori

Fra i lavoratori lo scambio di opinioni e valutazioni è un momento che suscita emozioni contrastanti. Il 35% pensa che sia di aiuto per comprendere gli obiettivi da raggiungere, il 32% rivela di sentirsi parte di un team, il 30% avverte un aumento della motivazione, il 27% lo vede come un’occasione di crescita personale, il 26% crede che favorisca una comunicazione aperta (-8%) e il 18% nota un incremento della propria efficienza.

Allo stesso tempo, emerge anche il disagio di sentirsi sotto esame (26%), il 27% ammette di fare fatica a non prendere sul personale un feedback negativo, e il 22% si sente vulnerabile. Il 19% poi ammette di non sapere come reagire, e il 15% crede che possa avere un impatto negativo sulla comunicazione.

Il caffè in capsula diventa bio

Italiani sempre più attenti alla sostenibilità e all’ecologia. Anche quando si tratta del tradizionalissimo caffè. I nostri connazionali, infatti, si dimostrano disposti a mutare atteggiamenti alimentari, tanto che un italiano su due si è avvicinato al biologico. Più precisamente: nel 2017 il 47% degli italiani ha scelto biologico almeno una volta a settimana, con numeri in continua crescita che vedono le vendite di questa tipologia di prodotti aumentare del 10,5% nei primi cinque mesi del 2018. E il trend è in continua ascesa.

La tazzina di caffè con l’anima green

Proprio per soddisfare questo crescente bisogno di prodotti “green”, il bio è entrato anche nella classica tazzina di espresso. Si chiama Tierra Bio -Organic il primo caffè biologico lanciato da Lavazza per il consumo domestico: si tratta di un prodotto che proviene da piantagioni dove si pratica l’agricoltura biologica e si rispettano i principi di sostenibilità ambientale, inoltre è il primo prodotto dell’azienda torinese per il segmento domestico coltivato con certificazione Bio e certificazione Utz, a garanzia di standard qualitativi sociali e ambientali nella produzione di caffè.

“Da sempre gusto e sostenibilità fanno parte del nostro Dna – ha dichiarato Pietro Mazzà, direttore Marketing Roast & Ground di Lavazza – e sono anche i valori che contraddistinguono il nuovo ‘Tierra. Bio-Organic’, pensato per i consumi a casa, in moka e in capsule”. I chicchi di questa 100% Arabica da caffè biologico sono tostati per periodi di tempo più lunghi, utilizzando una combinazione di basse e medie temperature così da ottenere una perfetta combinazione di gusto, corpo e aroma. Le speciali note floreali e di frutta matura derivano invece dalle sue terre di origine, l’America centrale e meridionale.

Bio a modo mio

Gli amanti del caffè in tutte le sue forme, primo fra tutti il classico espresso, possono vivere comodamente a casa l’esperienza unica di questo prodotto biologico grazie alle pratiche capsule per il sistema espresso domestico Lavazza A Modo Mio. Tierra! Bio-Organic va ad arricchire l’esclusiva gamma Lavazza Tierra composta dalle monorigini Tierra Single Origins, entrambe certificate da Rainforest AllianceTM, organizzazione non governativa (ONG) il cui scopo è preservare la biodiversità e garantire condizioni di vita sostenibili ai coltivatori delle aree di produzione guidando le pratiche di uso del suolo, le pratiche commerciali e i comportamenti dei consumatori. Pensate per offrire un’esperienza superiore di gusto in un prodotto sostenibile e di alta qualità, da degustare tutti i giorni, Tierra Brasile-Cerrado e Tierra Perù-Ande racchiudono in sé l’unicità delle loro terre di origine, Brasile e Perù.

On line in sicurezza

Tutte le miscele delle capsule Lavazza a Modo Mio – comprese le classiche come Qualità Rossa, Suerte, Crema e Gusto e Dek – sono disponibili anche online su CialdaMia, il portale italiano del caffè in capsule di qualità. Inoltre, oltre alle promozioni periodiche, facendo scorta su CialdaMia si risparmia sempre. In questo modo sarà possibile concedersi a casa o in ufficio una pausa con le migliori miscele Lavazza, compresa la nuova referenza Tierra Bio -Organic. Non resta che scegliere fra i vari sapori: intenso, cremoso oppure quello più avvolgente. E per regalarsi proprio tutto, compreso il piacere di cambiare, è anche possibile fare un mix di diversi prodotti, così da assaggiare un aroma differente tutte le volte che lo si desidera.

Scegliere immobili di prestigio: 4 fattori da considerare

Tutti noi abbiamo il desiderio di riuscire ad acquistare prima o poi la casa dei sogni. Una casa che lasci senza fiato, che possa diventare un vero e proprio gioiello bello da vivere e da vedere. Trovare la casa dei sogni, ovvero una soluzione moderna in un contesto d’alto profilo, o magari una villa d’epoca che presenti uno stile unico nel suo genere, non è per nulla semplice in quanto si tratta di un mercato particolare e differente dalla solita compravendita di immobili.

La ricerca diventa però più semplice se ci si affida ad agenzie specializzate nella mediazione di immobili di prestigio come Real Estate di Franco Guerrieri, immobiliare Monza che opera principalmente in Brianza e nell’hinterland milanese. La ventennale esperienza e la riservatezza nelle trattative, rendono questa realtà del settore una delle principali risorse nel Nord Italia.

Vogliamo inoltre porre l’accento su quelli che potrebbero essere i 5 più importanti fattori da tenere a mente quando si decide di acquistare un immobile di lusso.

1.Ascolta i tuoi desideri

Il primo fattore, e forse anche il più importante, sono i tuoi desideri. Prima di scegliere un immobile pensa un attimo a ciò che desideri veramente. Vuoi una casa moderna? Desideri un immobile con una storia? Vuoi una casa elegante o con piscina?  Partire con le idee chiare ti aiuterà ad individuare esattamente quel di cui hai bisogno per te e la tua famiglia.

2.Considera gli aspetti logistici

Quando si decide di acquistare un immobile, è necessario comunque valutare gli aspetti logistici. È ben servita la zona in cui l’immobile è presente? Le abitazioni di lusso possono essere più isolate o più vicine a un piccolo comune anziché una città. L’aspetto logistico dunque è una fase molto importante da considerare.

3.Uno stile che rispecchi la tua personalità

Una abitazione di prestigio non è semplicemente un tetto da mettere sopra la testa, ma è un luogo che deve rappresentare il tuo modo di essere e di intendere la vita.

4.Valuta la distribuzione degli spazi

Valuta infine sempre la distribuzione degli spazi. Insomma, se cerchi un immobile di prestigio questo deve avere spazi adatti alle tue esigenze e necessità, con una giusta distribuzione dei vari ambienti. Non temere di avere richieste che possano sembrare strane o esagerate, chiedi e vedrai che l’immobile perfetto esiste ed è già in vendita!

L’italiano supera il francese, ed è la quarta lingua più studiata

L’italiano è la quarta lingua più studiata al mondo. In base alla classifica 2018 stilata da Ethnologue, pubblicazione a cura del SIL International, l’organizzazione non governativa che studia l’utilizzo di migliaia di lingue parlate nel mondo, dopo inglese, spagnolo e cinese, l’italiano è la quarta lingua più studiata, posizionandosi prima del francese.

Una posizione consolidata dal 2014-2015, quando lo studio dell’italiano ha registrato un boom, passando da 1,7 milioni di studenti (2013-2014) a più di 2 milioni. E un interesse riconfermato lo scorso ottobre dal ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi. L’italiano infatti è sempre in quarta posizione per l’anno accademico 2016/17, con 2.145.093 studenti raggiunti in 115 paesi tramite gli Istituti Italiani di Cultura.

La classifica delle lingue straniere più studiate a scuola in Europa

Per quanto riguarda la classifica delle lingue straniere più studiate a scuola, in Italia, in Europa e anche altrove, il primato va all’inglese. Nell’Unione europea a studiarlo è il 97,3% degli alunni delle scuole secondarie, e in 18 paesi del continente l’inglese è parte integrante dei programmi scolastici. Secondo il rapporto della Commissione Europea del 2017, il francese è al secondo posto come lingua straniera studiata dal 33,8% degli alunni, seguita dal tedesco, seconda lingua straniera scelta dal 23,1% degli studenti europei, poi lo spagnolo (13,6%), il russo (2,7%) e l’italiano (1,1%).

L’italiano è la 21a lingua più parlata al mondo…

Al primo posto delle lingue più parlate si posiziona ancora l’inglese, utilizzato da un miliardo 190 milioni di persone, il 17% della popolazione mondiale. Al secondo il cinese mandarino, parlato da un miliardo 107 milioni di individui, il 15,8% della popolazione del pianeta, al terzo l’hindi-urdu, lingua parlata da 697,4 milioni di persone, e al quarto lo spagnolo (512,9 milioni). Seguono arabo (422 ), francese (284,9 ), malese (281), russo (264,3), bengalese (261,8) e portoghese (236,5). L’italiano è invece al 21°, con oltre 67 milioni di parlanti.

…e la madrelingua parlata in più paesi

Per numero di persone madrelingua, il primo posto lo conquista invece il cinese mandarino, con 908,7 milioni di parlanti, al secondo lo spagnolo, madrelingua per 442,3 milioni di persone, seguito dall’inglese (378,2), l’hindi-urdu (329,1), il bengalese (242,6), il portoghese (222,7), il russo (153,9), il giapponese (128,2), il giavanese (84,3) e il cinese wu (80,7).

Per via della forte emigrazione all’estero, l’italiano però è la madrelingua che viene parlata in più paesi al mondo, 26 in tutto.

Gdpr, i benefici ottenuti dalle imprese. Italia al 2° posto in Europa per conformità

Il Gdpr il Regolamento europeo sulla protezione dei dati è entrato in vigore nel maggio del 2018. In vista di questo cambiamento le aziende di tutto il mondo hanno lavorato assiduamente per essere pronte. E quelle che hanno investito per salvaguardare la privacy dei dati sensibili stanno ottenendo benefici di business tangibili. Secondo il report Cisco 2019 Data Privacy Benchmark Study, il 59% delle aziende ha dichiarato di aver soddisfatto tutti o la maggior parte dei requisiti, e il 29% prevede di farlo entro un anno. Mentre per il 9% ci vorrà oltre un anno.

 

Minori ritardi nelle vendite ai clienti…

Gli intervistati che hanno preso parte allo studio (oltre 3200 professionisti della sicurezza e della privacy nei principali settori di 18 Paesi) confermano inoltre minori ritardi nelle vendite. In particolare, le aziende che hanno investito nella riservatezza dei dati per soddisfare i requisiti del Gdpr, riferisce Askanews su fonte Cyber Affairs, hanno subito minor ritardi nelle vendite ai clienti quantificabili in 3,4 settimane rispetto alle 5,4 settimane di quelle meno pronte in ottica Gdpr. Nel complesso, il ritardo medio nelle vendite ai clienti esistenti è stato di 3,9 settimane, in calo rispetto alle 7,8 settimane registrate un anno fa.

L’87% delle aziende però dichiara di subire ritardi nel ciclo di vendita a causa dei timori di clienti e potenziali clienti in ottica privacy rispetto al 66% dello scorso anno. Ciò è dovuto a una maggiore consapevolezza portata dal Gdpr e alle frequenti notizie di violazioni dei dati.

… e minor incidenza delle violazioni dei dati

Le aziende pronte per il Gdpr hanno anche indicato una minor incidenza delle violazioni dei dati, un minor numero di record coinvolti in incidenti legati alla sicurezza, e tempi inferiori di inattività del sistema. Inoltre, la probabilità di subire una perdita finanziaria significativa a causa di una violazione dei dati è stata molto inferiore. Oltre a ciò, il 75% degli intervistati ha dichiarato di aver ottenuto diversi benefici dagli investimenti fatti nella salvaguardia della privacy, che includono maggiore agilità e innovazione derivanti da un adeguato controlli dei dati, nonché vantaggio competitivo e maggiore efficienza operativa grazie a una pronta organizzazione e classificazione dei dati.

L’Italia al secondo posto per grado di conformità

In base al Paese  il grado di prontezza in ottica Gdpr varia dal 42% al 75%. Spagna, Italia (72%), Regno Unito e Francia si collocano ai vertici della classifica, mentre Cina, Giappone e Australia si collocano ai livelli più bassi. Infine, solo il 37% delle aziende pronte per il Gdpr ha subito una violazione dei dati che è costata più di 500mila dollari, rispetto al 64% delle aziende meno pronte per il Gdpr.

Arriva un nuovo microinterruttore che aumenta la vita agli smartphone

Gli smartphone del prossimo futuro avranno una vita più lunga, e soprattutto meno bisogno di interventi di manutenzione. Questa è la promessa di un innovativo microinterruttore, che se verrà implementato nei dispositivi mobili, allungherà le aspettative di vita dei telefoni cellulari. Si tratta di uno strumento per le comunicazioni wireless sviluppato negli Stati Uniti dai ricercatori della Binghamton University e della State University of New York. Il risultato, pubblicato sulla rivista Applied Physics Letters, indica che il dispositivo potrebbe essere applicato anche alle linee elettriche per renderle sempre più sicure, anche in caso di picchi di tensione.

Gli attuali interruttori Mems a due elettrodi hanno durata limitata

Il trucco starebbe quindi nel miglioramento dei sistemi microelettromeccanici che esistono già nei telefoni odierni. A oggi tutti gli smartphone usano per le comunicazioni wireless gli interruttori di tipo Mems (Micro Electro-Mechanical Systems), ovvero dei sistemi microelettromeccanici che “solitamente presentano due elettrodi – spiega Sherry Towfighian, esperta di ingegneria meccanica della Binghamton University -. Questi interruttori si aprono e chiudono più volte ogni ora, ma la loro durata è limitata”. Quando i due elettrodi entrano ripetutamente in contatto, può infatti accadere che la superficie dell’elettrodo sottostante si danneggi e che l’intero microinterruttore debba essere sostituito.

Quattro elettrodi al posto di due

Per evitare questo problema, i ricercatori statunitensi hanno messo a punto un interruttore Mems con tre elettrodi posizionati sotto e uno parallelo posto al di sopra di essi. I due elettrodi sottostanti posti a destra e a sinistra sono carichi, mentre quello centrale e quello sovrastante sono elettrodi di terra. “Questo tipo di interruttore Mems è solitamente chiuso, ma gli elettrodi laterali forniscono una forza verso l’alto che può contrastare le forze tra i due elettrodi di mezzo aprendo l’interruttore”.

La levitazione elettrostatica previene qualsiasi danno da usura

Questo fenomeno di levitazione elettrostatica previene qualsiasi danno da usura, allungando quindi la vita dello smartphone, riferisce una notizia Ansa.

“Per le linee elettriche, invece – aggiunge Towfighian – questo tipo di interruttore può essere utile quando il voltaggio supera il limite e si vuole aprire l’interruttore. Questo design ci permette di avere interruttori più affidabili per monitorare i picchi di tensione, come quelli causati da un terremoto, che possono mettere in pericolo la sicurezza pubblica”.

In futuro perciò la corsa all’ultimo modello di smartphone potrebbe rallentare. Dispositivi più duraturi potrebbero convincere gli utenti a mantenere il proprio modello più a lungo.

Area 81 s.r. | Consulenza Privacy

Le novità in materia di privacy introdotte dal Regolamento Comunitario, il GDPR 2016/679, hanno comportato per le aziende un deciso cambio di rotta per quel che riguarda la gestione dei dati personali. Le aziende che vanno a trattare i dati personali sono veramente tantissime, ed il numero di quelle che ne sono esenti è davvero esiguo. È sufficiente pensare ai dati personali dei propri dipendenti che ogni azienda gestisce, o quelli di clienti e fornitori, ad esempio. Anche il solo codice fiscale è già considerato un dato personale importante, perché consente di identificare una persona in particolare. Trattare i dati personali significa mettere in atto tutta una serie di operazioni che possono essere compiute con l’ausilio di un processo automatizzato (ma anche senza) che si occupa ad esempio di raccogliere e memorizzare i dati, nonché conservarli.

Chi si occupa di gestione dei dati personali (a qualsiasi titolo, sia dei propri dipendenti che di clienti e/o fornitori), deve per questo identificare la persona fisica o giuridica che stabilisce lo scopo e le modalità di trattamento dei dati, e nominare eventuali responsabili interni o esterni. Tutti i dipendenti, clienti o fornitori dovranno essere avvisati del fatto che i propri dati personali saranno trattati in osservanza di quanto previsto dalla normativa di settore ed in maniera trasparente. Laddove previsto, sarà necessario anche ricevere l’autorizzazione al consenso per il trattamento dei dati da parte dei clienti e predisporre degli appositi registri, i quali sono obbligatori per quelle aziende che hanno più di 250 dipendenti, ma che possono comunque essere adottati da tutti. Riuscire a gestire questa materia, all’apparenza abbastanza complessa e articolata, può apparire come poco pratico per quanti hanno necessità di adeguarsi alla nuova normativa ed in tempi rapidi. A questo proposito, la consulenza privacy offerta da Area 81 S.r.l è quanto di più concreto e valido una azienda possa aver bisogno per comprendere il come riuscire a trattare i dati di dipendenti, fornitori e clienti nel pieno rispetto delle novità introdotte dal Regolamento Comunitario.

I tempi lunghi della sanità: curarsi è una missione impossibile

Fra costi in aumento e liste d’attesa lunghissime accedere alle cure e ottenere una diagnosi tramite il Ssn diventa sempre più una missione impossibile. Di fatto, aumentano anche le segnalazioni di cittadini che denunciano di non poter accedere ai servizi sanitari: nel 2017 oltre un cittadino su tre (37,3%) si è rivolto a Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, il 6% in più rispetto all’anno precedente. A fare il quadro della sanità italiana è il XXI Rapporto Pit Salute, dal titolo ‘Tra attese e costi, il futuro della salute in gioco’, presentato dall’Organizzazione sulla base di 20.163 segnalazioni analizzate, ricevute fra gennaio e dicembre 2017.

Le liste di attesa

Oltre la metà delle segnalazioni (56%) denuncia i lunghi tempi d’attesa: 15 mesi per una cataratta, 13 per una mammografia, 12 per una risonanza magnetica, 10 per una Tac e per una protesi d’anca. Si attende soprattutto per le visite specialistiche (39%), gli interventi di chirurgia (30%), e gli esami diagnostici (20,8%). Chemio e radioterapia arrivano al 10%, e fanno registrare un aumento del 100% rispetto al 2016. In aumento anche le problematiche legate all’assistenza territoriale, riporta Adnkronos, in particolare quella di base erogata da medici di famiglia e pediatri. Circa il 15% dei cittadini segnala carenze quali il rifiuto delle prescrizioni (30,6%), l’inadeguatezza degli orari (20,7%), la sottostima del problema segnalato dal paziente (15,6%).

Meno errori nella diagnosi, ma più fatiscenza nelle strutture

Il rapporto Pit Salute conferma il calo delle segnalazioni di presunti errori nella pratica medica e assistenziale, che dal 13,3% del 2016 passano al 9,8% del 2017. Per circa il 46% si tratta di presunti errori di diagnosi e terapie. Per la diagnosi le prime tre aree segnalate sono oncologia (20,5%), ortopedia (15,8%), e ginecologia e ostetricia (11,7%), Per gli errori terapeutici, ortopedia (21%), chirurgia generale (13,5%), e ginecologia e ostetricia (11,5%).

Preoccupa l’incremento di segnalazioni sulle cattive condizioni delle strutture (dal 30,4% al 33,4%). I cittadini denunciano macchinari obsoleti o rotti, ambienti fatiscenti, scarsa igiene. Un trend in aumento è quello relativo alle infezioni contratte in ambiente sanitario (4,9%).

Farmaci e ticket

Si attestano al 3,4% i contatti su problemi nell’accesso ai medicinali, soprattutto nelle aree cliniche di epatologia (28,2%), oncologia (10,7%), oculistica (10,6%) e neurologia (9,8%).

In testa le difficoltà per ottenere i farmaci innovativi per l’epatite C (30,4%), seguono le segnalazioni per medicinali non disponibili (28,2%) e riguardanti la spesa privata (20,4%), compresa quella per i farmaci regolati da nota limitativa (6,4%). Difficoltà in aumento anche per i farmaci con piano terapeutico (5,4%) e off label (4,6%).

Il peso economico dei ticket resta la prima voce di spesa, mentre crescono le segnalazioni relative al costo dei farmaci e delle prestazioni in intramoenia, rispettivamente +4,4% e +1,6%.